Tavola rotonda: Associazione per dipingere – La nuova frontiera nella guerra contro i graffiti a Milano @ Leoncavallo, Mi

Leoncavallo Milano Graffiti

In Italia, come nel resto d’Europa e in Nord America, è in atto da decenni una vera e propria guerra tra, da un parte, writers e street artists che si esprimono illegalmente sui muri delle città e, dall’altra, i comuni e le aziende di trasporto pubbliche che tentano di contrastare questo fenomeno.

La linea dura seguita a Milano da circa quindici anni – prima dalla giunta Moratti e oggi, anche se con dei distinguo, dalla giunta Pisapia – è simile in molti punti a quelle già messe in atto in altre città europee con risultati spesso insoddisfacenti. Il numero di atti di vandalismo è infatti in costante ascesa, nonostante le somme ingenti spese dal Comune per finanziare campagne antigraffiti.

Nei prossimi mesi, la giunta Pisapia rischia di affrontare una situazione critica. Polizia e magistratura stanno infatti istruendo nuove indagini e processi per danneggiamento (art. 635 c.p.), deturpamento (art. 639 c.p.) e associazione per delinquere (art. 416 c.p.), contro dei writers e degli street artists che chiedono alle istituzioni e attendono inutilmente da anni valide alternative agli interventi illegali.

Per questo il Leoncavallo, in collaborazione con Le Grand Jeu – l’associazione che ha recentemente contribuito al progetto della Tour Paris 13 –, ha deciso di riunire attorno allo stesso tavolo rappresentanti del Comune, avvocati, writers e street artists. Mentre, negli ultimi anni, alcune città hanno messo in atto politiche efficaci, serve capire perché Milano si affidi ancora al binomio costoso e inefficace dei cleaning day/processi.

Questo incontro informerà anche writers e street artists milanesi sui rischi ai quali stanno andando incontro.

Intervengono:
2501: street artist.
Domenico Melillo: avvocato.
Mirko Mazzali: consigliere del Comune di Milano, presidente commissione sicurezza e coesione sociale.
Mr. Wany: writer e street artist.
Soviet: writer, VolksWriters.

Modera:
Christian Omodeo: fondatore dell’ associazione Le Grand Jeu

Sabato 11 gennaio 2014 dalle 17.00 alle 19.00

Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito
via Watteau, 7, 20125 Milano

Annunci

New video from GIORGIO BARTOCCI – FLUID COORPORATION 2013

Artist: Giorgio Bartocci
Video & Editing: Jori

info:
jori.nekokuroi@gmail.com

SPERIMENTAZIONE TRA ARTE URBANA E CLUBBING: ALL’XS LIVE TORNA LUCE

Corn79 Mrfijodor Roma Street art

Continua il progetto LUCE: Live Urban Culture Experience nato dalla collaborazione tra Copia-Incolla e l’XS Live, primo club nella capitale ad investire nella street-art e nella sua contaminazione col mondo del clubbing. Un investimento importante visto il periodo che vive attualmente il mondo della notte, che è stato ripagato dal grande consenso che il progetto LUCE sta ricevendo non solo dal mondo della street-art ma anche, ed è proprio questo lo scopo di LUCE, da chi di arte urbana capisce meno e viene semplicemente attratto da ciò che di volta in volta gli artisti propongono sul muro dell’Xs Live.

mrfijodor_dx

Per la seconda edizione di LUCE del 12 ottobre 2013 sono stati ospitati due mostri sacri della street-culture torinese, Corn79 e MrFijodor. Il loro intervento nasce dalla volontà di integrarsi con lo spazio circostante e dal dialogo con l’ambiente: il fondo sporcato in contrasto con l’ordine simmetrico dei “mandala”, un intervento leggero di stampo pittorico con colori volutamente tenui e poco contrastanti che escono dal buio del muro nero, un’opera che ha trasformato la superficie in una vera e propria canvas.

Corn79 ha proposto i suoi ultimi esperimenti con tratti gestuali ed aperti al dialogo con Il contesto ambientale, geometrie caleidoscopiche che evocano sensazioni mistiche e spirituali, realizzate a mano libera per donare freschezza al tratto. I suoi lavori geometrici riprendono in quest’ambito un’estetica modernista in linea con le correnti grafiche d’avanguardia legate allo scenario musicale, quasi a ricreare la cover di un disco, un mood che trova le sue radici nella club culture internazionale.

Mrfijodor gioca con l’ironia delle sue illustrazioni schizzate e gestuali, disegnando una sedia a rotelle e citando l’artista libanese Mona Hatoum, degli omini imprigionati all’interno di carrelli della spesa, e un essere, diviso in due, che guardando le sue mani vuote, diretto verso i mandala di Corn79, si dissolve in una nube di ipotetici pensieri. Un motto viene spruzzato da un elefantino rosa: “they have some problems – loro hanno alcuni problemi”, ma forse non li abbiamo tutti noi?

Imprevisti artisti probabilità sociali – Old Prison Street Art Project @ Tirano

Corn79 Etnik. foto by Livio Ninnijpg

L’Associazione IL GABBIANO ONLUS in occasione del proprio trentennale e in vista della ristrutturazione dell’ex carcere di Tirano e della sua conversione in centro di accoglienza e di recupero, ha deciso di promuovere la street art coinvolgendo due gallerie (Studio D’Ars, Milano e  Square23, Torino) nel progetto di riqualificazione degli spazi.

Gli artisti coinvolti dalle due gallerie hanno potuto intervenire senza limiti o restrizioni, seguendo il proprio estro e interpretando con la propria arte la trasformazione e l’evoluzione di questi spazi nati come struttura detentiva e destinati ora a diventare un grande centro di accoglienza e di recupero. Leggi il resto dell’articolo

Il Piano – La Tour Paris 13 Project

il-piano-la-tour-paris-2013-04 (1)

La Tour Paris 13 è un progetto della Mairie del 13° arrondissement di Parigi, coordinato dalla Galerie Itinerrance. Il progetto ha trasformato in un museo temporaneo della street art un edificio di nove piani (4500 mq), situato in uno dei quartieri più dinamici di Parigi tra la Bibliothèque Nationale de France e la nuova Cité de la Mode et du Design.
In accordo con recenti ricerche urbanistiche, che hanno identificato negli “spazi bianchi” (zone urbane temporaneamente in disuso) uno strumento di crescita culturale, sociale ed economica nella città contemporanea, La Tour Paris 13 si è innestato nelle ultime fasi di vita di un palazzo destinato alla demolizione nell’ambito di un progetto di modernizzazione del parco immobiliare comunale. Gli street artist sono intervenuti negli appartamenti lasciati liberi dagli inquilini, ai quali il Comune aveva precedentemente offerto nuove soluzioni abitative.
La selezione degli artisti coinvolti – circa 100 – ha privilegiato gli scenari emergenti della scena internazionale della street art, come l’America Latina, i paesi mediorientali e, a livello europeo, l’Italia e il Portogallo. Tra gli artisti di maggior rilievo, meritano di essere citati C215, Alexöne, Ethos, David Walker, Ludo, Inti ed eL Seed. Leggi il resto dell’articolo

Florentijn Hofman

Florentijn Hofman 677

FLORENTIJN HOFMAN http://www.florentijnhofman.nl/
Humour, sensation, maximum impact; internationally renowned artist Florentijn Hofman  (Delfzijl, 1977) does not settle for less. His sculptures are large, very large, and are  bound to make an impression. Take Rubber Duck (2007) for example: a gigantic 26-metre-high  yellow rubber duck. It is an inflatable, based on the standard model that children from all  four corners of the world are familiar with. Leggi il resto dell’articolo

Natalia Rak

Natalia Rak

Natalia Rak from Poland. More info http://nataliarak.blogspot.it/

Questo slideshow richiede JavaScript.