NOFest live-painting: AK * Isma *HAlo HAlo* Mrfijodor

23 giugno dalle 16:00 live-painting di AK * Isma *HAlo HAlo* Mrfijodor

AK –  www.flickr.com/photos/ak_dwg

ISMA – www.flickr.com/photos/ismayo

HALO HALO – www.flickr.com/photos/hal0hal0

MRFIJODOR – www.mrfijodor.it

Dopo il successo delle prime tre edizioni torna a Torino il NOFest!, festival dedicato alle varie realtà indipendenti in campo musicale e non, proponendo un cartellone tanto vario quanto invitante. Dopo aver negato concetti come gruppi big ed emergenti, headliner e nuove proposte, gruppi locali e ospiti stranieri, che sembrano categorie del carrozzone sanremese, ma sono purtroppo la norma di ogni festival italiano, quest’anno il NOfest! abbatte il concetto di festival rock con una serie di iniziative ribadiscono più che mai la sua natura trasversale.
Il NOfest! 4 sarà il crocevia di suoni, performance, musicisti, fumettisti, artisti grafici appartenenti a scene e generi differenti, provenienti da ogni angolo del continente e da paesi extra-europei.
Anche quest’anno il NOfest! non punta su nomi di facile richiamo ormai tribute band di se stesse, su reunion che sanno più di r’n’r swindle che di progetti autentici, sulla sacra triade da evento estivo “rock anglosassone-ritmi giamaicani-elettronica mainstream“, con gruppi messi a caso per riempire il cartellone e giovani band che devono sottostare all’eterna gavetta del “gruppo spalla”, nomi che aumentano la dimensione del font in base all’importanza fino a trasformare i manifesti nelle tabelle di Snellen dell’oculista di fiducia.

Senza biasimare chi lo fa, ma proponendo qualcosa di differente.
NOfest! 4
3 palchi, 40 gruppi, djset esterni e indoor, Freaks Show, Visual Arts, Comic Battle, laboratori musicali, decine di espositori indipendenti, live radio, reading, presentazioni editoriali, talk show, grigliata pomeridiana.


Il tutto pagando quanto si ritiene giusto per un evento simile (secondo la modalità up2you) e senza che l’organizzazione usufruisca di sponsor o finanziamenti. 

Un progetto ambizioso e perdente, ma per vincere facile hanno già inventato il gratta e vinci.

Evento collaterale del Picturin – Torino Mural Art Festival  www.picturin-festival.com

Annunci

Picturin 2012 – 15-16-17 June – PARCO DORA WALLS

www.picturin-festival.com

Da Parco Dora – il cuore della grande trasformazione dell’area di Spina 3 – parte il terzo capitolo del legame tra la città e PicTurin che contribuisce così, in ottica Glocal, all’intervento di rinnovamento dell’area.

Il parco – che sorge sulle aree un tempo occupate dai grandi stabilimenti produttivi e rappresenta uno dei più vasti polmoni verdi della città – è unico nel suo genere, perché integra ambienti naturalistici a memorie del passato industriale. Sono state, infatti, conservate ed escluse dalla demolizione dei vecchi capannoni, alcune delle strutture preesistenti, come il capannone dello strippaggio delle ex acciaierie Vitali con i suoi pilastri d’acciaio colorati di rosso, le torri e le vasche trasformate in giardini acquatici.

In questo paesaggio post-industriale si inserisce l’intervento di PicTurin.

Il 15-16-17 giugno saranno al lavoro sulle murate dell’ex acciaieria, Overspin, Take514, Sir Two, Reser & Wens, TOTS crew, Vesod, Knz Clan, Truly Design, Krio, Corn79, Mrfijodor (Italy), Zoer & Velvet (CSX crew – France), Erase & Arsek (Bulgaria).

The third chapter starts from Parco Dora – the heart of the large scale Spina3 area transformation – extending further the bond between PicTurin and Torino, contributing to a Glocal renewal of the city.

The park – built on a vast area once occupied by big factories and representing one of the city’s biggest “green lungs” – is unique in its genre, thanks to the integration between natural habitats and the remnants of an industrial past. In fact, some parts of the old warehouses and factories have been excluded from the large scale demolition which has taken place in the past years. An example of preexisting structures are the large roof of the ex Vitali steelworks supported by its red steel pillars, the towers and the large basins turned into aquatic gardens.

PicTurin will intervene in this post-industrial scenery.

On June 15-16-17 the ex steelworks will be decorated by Overspin, Take514, Sir Two, Reser & Wens, TOTS crew, Vesod, Knz Clan, Truly Design, Krio, Corn79, Mrfijodor (Italy), Zoer & Velvet (CSX crew – France), Erase & Arsek (Bulgaria).

PICTURIN Night @ Border Land

Parco Ignazio Michelotti (ex zoo comunale) Torino – Sabato 16 giugno 2012

Arriva l’estate. Tornano le serate di Border Land. Torna il Picturin!

Sabato 16 giugno al Parco Ignazio Michelotti (ex zoo comunale), il SAM (Street Art Museum) ospiterà la serata iniziale della III edizione del Picturin. Dalle 19:00 aperitivo con la musica di Dj Bow. A seguire, in occasione del ritorno in città del Torino Mural Art Festival, verrà proiettato in anteprima il video-documentario della prima edizione del Picturin (2010), alle ore 21:30.

Nell’isola verde del Parco Michelotti, Picturin ha invitato alcuni dei più noti dj torinesi per festeggiare insieme l’inizio dei “lavori” in territorio sabaudo. Allo scoccare della mezzanotte, i Jazzatron presenteranno ufficialmente il loro ultimo album The Middle Finger Singer, un eccezionale progetto del duo torinese.

LINE UP

  • Dalle 19 alle 21.30: Aperitivo nel parco, sonorizzato dai bassi incalzanti di Dj Bow, “vecchio” resident della serata The Dreamers al Puddhu Bar. Live-painting, street art;
  • ore 21.30: Proiezione documentario PICTURIN 2010;
  • ore 23.00: Anonima Scratch Performance: Dops & Fra3C si esibiranno in una battaglia a colpi di scratch;
  • ore 00.00: Jazzatron Live Showcase: Ale Raise e Fabio, il duo meglio conosciuto sotto il nome di Jazzatron presenteranno ufficialmente il loro ultimo album The Middle Finger Singer, ad accompagnarli sul palco: Nadia;
  • a seguire, musica Dubstep con i dj Peecador vs Dops, Sick e Sblmnl.

PICTURIN – Torino Mural Art Festival è uno dei principali eventi europei di street art e graffiti-writing: interventi murali in progress, grandi nomi dello scenario internazionale e artisti noti sulla scena cittadina pronti a rivoluzionare l’arredo urbano, intervenendo su grandi muri e facciate cieche centrali e periferiche.

www.picturin-festival.com

SAM è un progetto di riqualificazione urbana negli spazi del Parco Ignazio Michelotti di Torino (ex zoo comunale), attraverso le opere di street art. SAM è promosso dall’associazione culturale BorderGate, nell’ambito delle proprie attività estive che vanno sotto il nome di Border Land.

http://samuseum.wordpress.com/

Ingresso libero ad offerta

Terzo step di SAM – Street Art Museum – Weekend 9 – 10 giugno 2012

SAM è un progetto di riqualificazione urbana degli spazi del Parco Ignazio Michelotti di Torino (ex-zoo comunale), attraverso le opere di street art, promosso dall’associazione culturale BorderGate nell’ambito delle proprie attività estive che vanno sotto il nome di Border Land. SAM è inoltre parte integrante della manifestazione picTurin dedicata alla decorazione di murate legali, patrocinata dal Comune di Torino e promossa da diverse associazioni attive da anni sulla scena cittadina nel settore della street art.

L’idea è quella di realizzare un museo di street art a cielo aperto mettendo gratuitamente a disposizione degli street artist che desiderano dipingere e esporre permanentemente la propria opera all’interno del museo, i muri disponibili all’interno dell’area. Le opere realizzate andranno a formare un percorso espositivo all’aperto che si dipanerà lungo tutto il parco e consentirà ai visitatori di ammirare i dipinti presenti.

L’area si trova in centro città e dopo la chiusura dello zoo è stata trascurata e utilizzata temporaneamente per ospitare manifestazioni e attività di genere diverso (il progetto Experimenta legato alla diffusione della cultura scientifica e il progetto Border Land relativo alla diffusione/promozione di forme d’arte e cultura copyleft sono due esempi).

SAM nasce per rivalorizzare dal punto di vista urbanistico e sociale l’area attraverso le opere d’arte che, oltre a rivitalizzare, anche se soltanto esteticamente, gli edifici abbandonati e fatiscenti, hanno la funzione di:

– rilanciare l’immagine del parco e promuovere la rinascita sociale dell’area;

– migliorare la percezione e l’esperienza nella visita del parco da parte degli utenti;

– contribuire attivamente alla promozione di street artist e diffondere, più in generale, la cultura della street art;

– costituire un presidio artistico che, in prospettiva, potrebbe contribuire a preservare l’area da eventuali speculazioni edilizie.

I muri disponibili saranno assegnati dall’associazione anche in base alle preferenze espresse dagli artisti. Le tempistiche di realizzazione del progetto prevedono quattro step (weekend dal 26 maggio al 24 giugno) nel corso dei quali verranno dipinte le opere principali. Tuttavia, il progetto continuerà anche successivamente: gli spazi rimasti liberi saranno attribuiti gratuitamente dall’associazione a coloro che vorranno dipingere e entrare a far parte di SAM.

Live painting con:

– 999 (http://www.9likenave.com/)
– A.C.C
– Corn79 (http://www.flickr.com/photos/richardcorn)
– Desvriz
– DLP
– Mach505 (http://www.truly-design.com/)
– Max Petrone (http://www.maxpetrone.com/)
– Mauro149 (http://www.truly-design.com/)
– Mr. Fijodor (http://www.mrfijodor.it/)
– Ninja1 (http://www.truly-design.com/)

Diretta streaming su www.border-radio.it a partire dalle ore 19:00

Segui SAM su http://samuseum.wordpress.com/

SAM è un’iniziativa Border Land (www.border-land.it) in collaborazione con PicTurin (http://www.picturin-festival.com/)

Graphic by 999 (http://www.9likenave.com/)

Wall Passion Vol.2 RipArte Festival 2012 >10.06.2012, Fabriano (An)

“Trecento metri di parete per sei artisti internazionali, questi sono i numeri di quel che sarà il 9 Giugno il Wall Passion vol.2, incontro di street art e cultura dal basso promosso per il secondo anno consecutivo dal RipArte Festival in collaborazione con l’Ass. Cantiere delle Idee ed il Csa Fabbri di Fabriano. Dopo il successo ottenuto in città con la performance dello scorso anno, grazie agli interventi in zona stazione  tra cui quelli ad opera di Blu ed Ericailcane solo per citarne alcuni, anche in questa occasione sei artisti del panorama della street art contemporanea si confronteranno per sviluppare un intervento pittorico di grande formato, tutti su di un unica parete lunga oltre 300 metri. Gli artisti invitati (108, Aris, Eleuro, Giorgio Bartocci, Run e Ufo Cinque) inaugureranno la parete di Via Lamberto Corsi in corrispondenza del sottopassaggio ferroviario in direzione Moscano cimentandosi in un’opera murale collettiva, a cui seguiranno altri interventi con nomi della scena nazionale e non che si potranno osservare all’opera a settembre, quando si terrà la sesta edizione del RipArte Festival. Altro ospite d’eccezione sarà il collettivo di comunicazione Guerrilla SPAM che durante la tre giorni realizzerà un’opera di grandi dimensioni completamente realizzata con la tecnica del paste up lungo tutta la parete dell’evento. Dalle ore 14:30 di sabato 9 Giugno gli artisti si appresteranno a terminare le loro opere e saranno  accompagnati da dj set musicali e affiancati da bancarelle di autoproduzioni.
Wall Passion tenta con questo evento di avvicinare la cittadinanza al fenomeno della street art proponendo un live painting di tre giorni aperto al pubblico, durante il quale tutti potranno osservare gli artisti all’opera nel ridare colore ad una zona in degrado della propria città. Il festival nasce dalla consapevolezza delle potenzialità insite nella street art come mezzo di comunicazione non convenzionale e spinge affinché questa possa divenire vera modalità di riqualificazione degli spazi urbani, generando nuovi rapporti tra l’uomo ed il proprio territorio. Sviluppando forme di legame di questo tipo è infatti possibile avvicinare persone nuove per un confronto attivo sulla contemporaneità, il tutto unito all’esplorazione di un nuovo panorama artistico come quello della street art.”
Per qualsiasi info http://www.ripartefestival.com

ARTISTI
Tra i performers troviamo 108, che già dal nome lascia trasparire il suo enigmatico e tenebroso profilo che lo ha reso un designer appassionato dell’occulto, influenzato dallo sciamanesimo locale e dai graffiti dell’europa neolitica, le cui forme astratte compaiono ora nelle strade di tutto il mondo. Aris, dedito alla rivalutazione e rivitalizzazione del territorio urbano e peri-urbano, inizia a farsi conoscere già dal ‘93 dipingendo treni e spazi murali, per poi appassionarsi alla quasi astrazione della figura che lo porta ad ottenere un linguaggio artistico personalizzato, a tal punto da permettergli di farsi strada anche fuori dall’Italia. Eleuro, già noto alla compagine fabrianese per aver partecipato all’edizione 2011 del festival, contraddistingue i suoi lavori grazie alle grandi linee colorate accompagnate da scritte che ne completano il significato e che solitamente vanno a rappresentare gag cui sono frequenti sottoporsi gli uomini.  Giorgio Bartocci decide invece di allontanarsi dai canoni standard di writing percorrendo un viaggio di crescita individuale, che gli permette oggi di trovare fonte di ispirazione in figure umanoidi animate che gli consentono di interagire con le più complesse strutture urbane. Run è uno dei protagonisti della scena street art europea, vive a Londra ed i suoi lavori sono veri e propri enigmi luminosi, abitati da Dei pagani e benevoli, danzatori in un tempo sospeso. Le sue sono figure che si muovono su sfondi, spesso monocromi, dove risalta la forza di segni universali: labbra che sussurrano, gesti di accoglienza, mani aperte allo spettatore e moniti silenziosi. Come ultimo artista, ovviamente non per importanza, possiamo scorgere con il suo inconfondibile stile metodologico progettuale Ufo Cinque, con le sue linee chiare e ben tracciate tipiche di chi non lascia intendere nulla al caso.

Guerrilla SPAM
L’idea di SPAM nasce casualmente nel novembre 2010 dall’esigenza di trovare un modo per esprimere liberamente senza vincoli o costrizioni un pensiero comune. Prende corpo da sola (nei primi attacchi non esisteva nemmeno il nome SPAM) definendosi e migliorando su se stessa, grazie all’approvazione della gente e al riscontro del pubblico, del cittadino. gli attacchi che inizialmente erano realizzati solo su firenze, hanno ampliato con il tempo il loro raggio di azione, toccando altre città italiane da siena a arezzo, da milano a torino, da benevento a salerno. l’obbiettivo di SPAM è quello di portare alla portata di tutti la possibilità di “fare SPAM”, eliminando l’idea di un’artista singolo che realizza singolarmente gli attacchi, in funzione di un’idea collettiva, una sorta di mezzo di espressione a disposizione di chiunque  lo volesse. a meno di un anno dalla nascita di SPAM, numerosi giornali, riviste, siti e blog si sono interessati al progetto, dedicandopagine e gallerie fotografiche a queste azioni provocatorie. ricordiamo laRepubblica, ArtsBlog, NextLaboratory, GOLD, Lettere&giorni, e molti altri. l’interesse del pubblico poi è sempre costante e vivo sia fisicamente nelle città toccate da SPAM, che virtualmente attraverso la rete, ed è questo che garantisce un senso a tutto il progetto, dato che SPAM nasce per essere della gente e tra la gente.

ING
“Three hundred meters of the wall for six international artists, these are the numbers of what will be at June 9, the Wall Passion vol.2, a street art and culture meeting from the bottom promoted for the second consecutive year the festival starts again in collaboration with the Ass Cantiere delle Idee and CSA Fabbri of Fabriano. After its success in the city with the performance of last year thanks to interventions near the railway station area including works from Ericailcane and Blue, on this occasion six artists of the contemporary street art will develop a pictorial contribution of a large-format, all on a single wall over 300 meters long. Invited artists (108, Aris, Eleuro, Giorgio Bartocci, Run and Five UFOs) will kick off the wall in Via Lamberto Corsi at the railroad underpass towards Moscano sneaking in a collective mural work, to be followed by other operations with names of the national scene and that you may observe in September when there will be the sixth edition of Riparte Festival. Another special guest will be the collective of communication Guerrilla SPAM that during the three days will set up an opera made of paste up along the wall of the event. From 14:30 pm (Saturday, June 9) will be possible observe the artists finish their works and will be accompanied by DJ sets and music stands flanked by self-productions.
Wall Passion tries with this event to bring citizenship to the phenomenon of street art by proposing a live painting of three days open to the public, during which everyone can watch the artists at work in restoring color to a degradation area of their city. The festival stems from the awareness of the possibilities inherent in street art as a means of communication and non-conventional forces so that it can become a real mode of regeneration of urban areas, creating new relationships between people and their territory. Developing forms of this type of bond is in fact possible to bring new people to an active comparator on the contemporary, all combined to explore a new art scene as the street art. “