OLTREMARE – Graffiti Festival – Marina di Grosseto, Italy

oltremare street art

4 LOCATION DIVERSE 15 ARTISTI DA TUTTA ITALIA.
Il festival comincia il 29 giugno con l’inaugurazione della mostra alla sala circoscrizione, che proseguirà fino al 25 luglio. I muri della colonia verranno dipinti per tutto il mese di luglio. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

ARTISTI UNITI PER SORRISI DI MADRI AFRICANE @ Torino 2013

ARTISTI UNITI PER SORRISI DI MADRI AFRICANE 
MURALES A SOSTEGNO DELLA CAMPAGNA PER LA SALUTE  MATERNA E INFANTILE DEL CCM
Un murales per il diritto alla salute di mamme e bambini in Africa.
Gli spray e le idee di 10 famosi street artist si intrecceranno venerdì 15 marzo a favore del  CCM – Comitato Collaborazione Medica e della Campagna Sorrisi di madri africane. Insieme in Via Luini al civico 1  a Torino rappresenteranno attraverso i loro differenti stili interpretativi le mamme e i bambini africani, con l’obiettivo di ricordare a chi ogni giorno passerà per quella via, l’urgenza e l’importanza di fare qualcosa per un popolo che ancora ad oggi non vede garantito il proprio diritto alla salute.
mauro149_pixelpancho_escif_only_valencia
Ancora oggi infatti in Africa le complicanze legate alla gravidanza e al parto e le  malattie contratte nei primi anni di vita sono fra le principali cause di disabilità o di  morte. Fermare queste morti si può. Per farlo, è necessario garantire a donne e bambini  l’accesso a servizi sanitari adeguati, eliminando le barriere legate ai costi, alle lunghe distanze  e alla mancanza di personale sanitario preparato. Il CCM è impegnato proprio in questo, per il  diritto alla salute di tutti e con Sorrisi di madri africane in particolare per la salute materna e  infantile.  La Campagna Sorrisi di madri africane lanciata nel 2011 mira a garantire  entro il 2015 una gravidanza e un parto sicuri a 200.000 mamme e assicurare  vaccinazioni e cure a 500.000 bambini. Obiettivi importanti, che necessitano dell’aiuto di  tutti.
Di fronte a questi ambiziosi e importanti obiettivi gli artisti invitati da Galo, eclettico artista di  fama internazionale che per primo ha conosciuto la Campagna e deciso di dedicarsi per l’organizzazione dell’opera collettiva, si sono uniti e hanno deciso di interpretare i Sorrisi di madri africane attraverso i loro tratti e i loro pensieri lungo i  20 metri di muro concessi dal Comune di Torino. 
Gli street artist,  che  dedicheranno markers e spray per  il progetto, sono famosi a  livello internazionale, ognuno per la propria particolarità di segno e per l’eccellenza  della tecnica. Galo,  Reser,  Corn, Mr Fijodor, Rems182 & Mauro149 – Truly Design, Roberto Policarpo aka SR, Maria  Bruno aka Sister Flash, Sir Two e Pixel Pancho si ritroveranno insieme al CCM e a tutti coloro  che vogliono scoprire o conoscere meglio l’arte del graffito benefico  il 15 marzo dal mattino  fino a opera compiuta! L’appuntamento è in Via Luini 1. Il muro è concesso dal Comune di  Torino nell’ambito del progetto Murarte. foto e video della giornata saranno poi esposti per due settimane presso il Circolo Amantes di via Principe Amedeo a Torino (inaugurazione  02/04). Il Circolo ospiterà  oltre a foto e video del murales, anche parte della Mostra Fotografica Sorrisi di Madri Africane  di CCM e Magnum Photos e le opere pittoriche che Galo, Reser, Corn, Mr Fijodor, Roberto  Policarpo aka SR, Maria Bruno aka Sister Flash, Werther, Sir Two e Pixel Pancho dedicheranno  alla Campagna. La opere saranno in vendita e il 50% del ricavato sarà destinato alla  Campagna Sorrisi di madri africane.
Andrea Galvagno, in arte Galo, durante 10 anni di permanenza a Amsterdam diventa uno dei  precursori europei della street art e collabora ed espone con artisti di importanza mondiale. Ha  esposto in ogni parte d’Europa, in Giappone e negli Stati Uniti. Tornato in Italia nel 2007 vive e  lavora a Torino. Nel 2010 ha aperto la sua galleria privata Galo Art Gallery in Torino. Fortemente legato alla scena post graffitista internazionale, fa della sua arte uno strumento di  comunicazione immediato. I suoi soggetti sono il frutto di un’accurata ricerca artistica sul  passaggio caotico ma non casuale di persone, espressioni e situazioni della contemporaneità. 
Galo ha conosciuto la Campagna del CCM e ha messo la sua capacità artistica e i suoi  legami nel mondo di tale arte a sua disposizione.
PixelPancho_Varsovia_streetartnewses_
Reser è un simbolo della street art per la città di Torino. Già attivo fin dai primi anni ’90, è amante del disegno, delle tags che colano e dei markers. Raggiunge l’Europa del Nord nel 2000. Le visioni dei graffiti in Francia e in Olanda influenzano notevolmente le sue prospettive. Il suo percorso è fatto di bozze, pannelli, murate, tele. Matura una calligrafia gestuale che trasmette sulle superfici murali e su tela. Approfondisce un attento studio degli sfondi e della composizione delle trame calligrafiche che andranno a comporre l’opera finale.
Riccardo “Corn79” Lanfranco è nato a Torino nel 1979. Si è laureato al DAMS presso l’Università di Torino  – corso di laurea multimediale, con una tesi di semiotica dal titolo “La bellezza e la decadenza della città. Progetti moderni per la pittura murale e riqualificazione estetica in Italia “, ma la sua carriera professionale e artistica è iniziata già nel 1996. Promotore della creazione del progetto ‘Murarte’ della città di Torino, nel 2001 ha fondato “il Cerchio e le Gocce” (www.ilcerchioelegocce.com), la prima associazione italiana dedicata alla promozione della creatività urbana.
Mrfijodor è lo pseudonimo di Fijodor Benzo. Nato a Imperia nel 1979, da oltre 15 anni realizza  graffiti e disegni. Ha studiato Belle Arti a Cuneo e Valencia; dal 2004 vive a Torino. Realizza opere il cui soggetto sono di solito forme elementari che veicolano messaggi diretti e ironicamente responsabili; alla base una chiave di lettura semplice, per poter sempre dialogare con il fruitore. Molto spesso, i suoi lavori sono contrassegnati da una critica sociale o ecologica, usando come arma un sorriso infantilmente stupito, più che la ricerca tecnica. http://www.mrfijodor.it
Rems182, Emanuele Ronco, nasce a Torino nel 1982. E’ pittore, illustratore, graphic designer e aerosol artist. In adolescenza si avvicina all’aerosol art, decide di frequentare l’Accademia Albertina di belle Arti di Torino, sviluppando un personale linguaggio pittorico, che si traduce in  ritratti e teschi dipinti su carta, tela o muro, sempre di dimensioni importanti e dipinti con  tecnica che comprende olio, spray, acrilico e smalti. Diventa co-fondatore del collettivo artistico  Truly Design, con cui approfondisce un percorso legato ai graffiti, portando il gruppo acollocarsi fra i più noti in Italia.
Mauro149, Mauro Letterio Italiano, è Socio fondatore dei Truly Design. Nato a Torino nel 1981  è diplomato presso l’Istituto Europeo di Design di Torino. Illustratore, grafico, aerosol artist e  docente presso l’Istituto Europeo di Design di Torino. Osservatore divertito e disilluso del  mondo, è affascinato dall’infinita quantità di linguaggi che i nostri sensi riescono a sviluppare.  Dare forma ai pensieri con il suo immaginario onirico e visionario lo diverte da sempre. I suoi  lavori sono quindi racconti, metafore, sogni.
Roberto Policarpo, è un’artista che mix nelle sue opere sapori e colori del mondo. Utilizza un mix di media per trasmettere l’anima e i sentimenti che le persone, le popolazioni e i paesaggi rappresentano ed emanano. Il suo stile è ricco e leggero, rappresenta paesaggi urbani e panorami della natura, il suo tratto sa essere dolce ma anche aggressivo… sintesi di una analisi introspettiva sfaccettata.
Maria Bruno – Sister Flash–  Il suo lavoro artistico si distingue per l’uso di colori forti e di  una profondità che non finisce mai. Sister Flash è stata una delle prime in Torino e in Italia ad utilizzare stencils per le strade negli  anni 80 quando ancora la street art era alle sue fasi iniziali e sperimentali.
Sir Two, writer dal 1989, illustratore e grafico dal 1993, scultore dal 2002, creativo da sempre, tra i primi writers italiani ad aver lasciato un segno tangibile del suo passaggio. Sir Two, al secolo Cristiano Luparia, è specializzato in lettere tridimensionali ed opera in vari  campi, oltre a dipingere a spray, su ogni tipo di supporto, realizza sculture, grafiche, illustrazioni e loghi. La sua attività principale resta il writing, muri, tele, vetrine… da ormai più  di 15 anni. Ha partecipato a numerosi eventi nazionali e internazionali e collaborato con svariate brand italiane e straniere.
Pixelpancho è nato a Torino nel 1984. Fin da piccolo si è appassionata a colore e forme, seguendo il nonno che si dipingeva per passione. Fin da piccolissimo quindi sapeva che l’arte avrebbe avuto un ruolo importante nella sua vita. Nel 2003 si iscrive all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino per proseguire i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Valencia. E’riconosciuto come uno degli esponenti più rappresentativi dell’arte urbana.
Werther è nato e cresciuto a Milano 33 anni fa, ora vive a orino. Figlio d’arte. Nel 2006, dopo  aver abbandonato la facoltà di Disegno Industriale, i suoi ricordi d’infanzia iniziano a muoversi  e a prendere forma tra tele, colori e pennarelli. Ad oggi il suo interesse è rivolto alla  sperimentazione del segno, alla ricerca di un misto tra grafica e pittura. L’esasperazione del  punto come segno grafico e l’utilizzo rigoroso del greyscale lo caratterizzano. Le sue opere  sono a volte estremamente intricate, a volte talmente leggere da essere quasi non sense.
Il CCM è un’organizzazione non governativa che da oltre quarant’anni sostiene  processi di sviluppo che tutelano e promuovono il diritto alla salute, con un approccio  globale, operando sui bisogni sanitari e influendo sui fattori socio-economici a partire dalla  povertà, identificata come la principale causa di mancanza di salute. Si rivolge alle popolazioni  più povere e opera nelle aree più svantaggiate del mondo attraverso l’incontro e la  collaborazione di persone e comunità in Italia e nei paesi a basso reddito. Interviene attraverso  progetti di cooperazione internazionale volti a sostenere le strutture sanitarie esistenti per  migliorare l’accessibilità e la qualità dei servizi preventivi e curativi, sia a livello ospedaliero che  territoriale, anche nelle aree più remote. A questo scopo garantisce la formazione del personale, l’approvvigionamento di materiale sanitario e di farmaci, l’adeguamento delle strutture e delle attrezzature e promuoviamo attività di sensibilizzazione delle comunità locali.
Il CCM è presente oggi in Burundi, Etiopia, Kenya, Uganda, Somalia, Sud Sudan e in  Italia.
Per saperne di più http://www.ccm-italia.org.
CCM – Comitato Collaborazione Medica

In collaborazione con

Galo Art Gallery      
Il Cerchio E Le Gocce
Style Orange
Murarte       
Circolo Culturale AmantesSilvia Trentini
Responsabile comunicazione e ufficio stampaCCM – Comitato Collaborazione Medica
Via Cirié 32/E  – 10152 TORINO
011.6602793 347.3112799
silvia.trentini@ccm-italia.org
skype sitrentini

SEEMS TRUE – A ten year journey. A Truly Design documentary

SeemsTrue TRULY DESIGN

Truly Design ha deciso di raccontarsi in un documentario.

Seems True – A ten year journey” – realizzato da Trickle Production – sarà presentato il prossimo 5 aprile al Blah Blah di Via Po 21.

I quattro artisti torinesi, impegnati da oltre dieci anni nel mondo dei graffiti, sono protagonisti di una narrazione emozionante. Per la prima volta in questo lungo viaggio durato due lustri non sono le loro mani macchiate di colore ad essere sotto i riflettori. I loro visi, invece, insieme alle loro parole. La storia di una passione raccontata con sincerità e stupore.

I quattro Truly Design in questi anni hanno girato il mondo tra i muri urbani, le copertine di giornali e le pareti di gallerie d’arte contemporanea. Proprio nell’ultimo di questi viaggi, che ha visto come meta Klagenfurt in Austria, hanno deciso di raccontare un pezzo della loro storia personale e professionale attraverso l’occhio elettronico di Trickle Production. Poco più di venti minuti di documentario, morbide carrellate sulle opere dei quattro artisti. Occhi che si incrociano sui colori, pennellate di umanità, amore per l’arte e per la vita.

La serata di venerdì 5 aprile ospiterà 3 proiezioni – distribuite dall’aperitivo a notte – che saranno scandite da altrettanti live set delle formazioni che hanno musicato la colonna sonora del documentario.

Sul web sta già circolando il teaser virale del documentario.

Seguiranno comunicati stampa dettagliati sugli aspetti musicali dell’evento.
Cliccando qui è possibile scaricare il presskit dell’evento.

Contatti stampa: Associazione Culturale ME.LA | Marco Agagliati 349.5169628 | Alessandro Raso 349.3152367

Across Rewriting – VI edizione

Una mostra collettiva “ridotta” dedicata al mondo graffiti writing e street art con derive verso la pittura pura.

A cura di Roberto Tos

Circolo Culturale Amantes, Via Principe Amedeo 38/a, Torino

Inaugurazione mercoledì 5 dicembre 2012 ore 19.00

in mostra fino al 5 gennaio 2013

orario: martedì/sabato, ore 18.00/01.30

Airo, Alex Lo Vetro, Andrea Ravo Mattoni, Angelo Crazyone, Atew, Batsu, Belt, Berets, Bongo, Bostik, bR1, Cabalinguista, Calogero Marrali, Christian Done, CikitaZ, Corn79, Crazy-S, Cuba, Davide Fasolo, Deder, Dhemo, Dipsy Diverz, Doppio Asso, Dott. Porka’s P-Proj, DZ!, EB, El Euro, El_evEn, Elfo, Encs, Ermanno Brusio, Esck, Fire 25, G®, Galo, Gec, Gesebel Barone, Giorgio Bartocci, Giulio Rosk, Grazia Amendola, Guerrilla SPAM, Halo Halo, ilBorse, Jato, Jok, Karim, Kasy23, L, Letaz, Mach 505, Martina Love, Mauro149, Mendez, Meow, Mirko Dadich, Mirko Lost, Moe, Mozoner, Mr. Fijodor, Mr. Klevra, Nox, Omino71, Original Asker, Paolo Leonardo, Pesca, Plastic Plankton, Poison Idea, Psiko, Pymor, R3S3R, reFRESHink, Rems 182, Rido1, Rondella, Sabrina Annaloro, Seacreative, Senda Dons, Shed, Shirk, Sisterflash, Sone, Stetocefalo, Talka, TomoZ, Tonichina, Ufo 5, Vesod, Vine, Weed, Werther, Woc, Wubik, Xel, Xeno, Xumia, Zero TDK, Zorkmade.

E’ sempre un piacere lavorare all’organizzazione di “Across Rewriting” una partecipazione altissima da tutta Italia ci consola nelle fatiche organizzative per mettere insieme quasi cento artisti e dargli visibilità.

Con la stessa modalità, una tela per partecipante in formato 30 x 30 cm, che rappresenti l’artista nel suo lavoro stradale, verrà generata un’opera unica con novantasei quadri. Quest’anno partecipano 54 artisti e creativi torinesi insieme a 42 provenienti da Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Sicilia, Sardegna, Puglia, Toscana, Lazio per un totale di 96 partecipanti.

E come ogni anno partecipano artisti noti in Italia e all’estero insieme a giovanissimi alla prima esperienza. Un modo per dare voce e stimoli alle nuove leve del mondo della street art e del graffiti writing, con incursioni nella pittura più tradizionale, per portare a conoscenza del pubblico autori sconosciuti ai più. Un’agenda aperta per operatori culturali, galleristi ed addetti ai lavori con la voglia di scovare giovani talentuosi.

Across Rewriting è una rassegna nata nel 2005, a cura di Roberto Tos, ospitata nella galleria del Circolo Culturale Amantes, in Via Principe Amedeo 38/a a Torino dal 5 dicembre al 7 gennaio 2012, orario visite dal martedì al sabato, dalle ore 18.00 alle ore 01.30 con ingresso libero in galleria ed accesso al circolo con la tessera Arci.

 

News from SAM – Street Art Museum @ Parco Ignazio Michelotti, Torino

Questo slideshow richiede JavaScript.

SAM è un progetto di riqualificazione urbana degli spazi del Parco Ignazio Michelotti di Torino (ex-zoo comunale), attraverso le opere di street art, promosso dall’associazione culturale BorderGate nell’ambito delle proprie attività estive che vanno sotto il nome di Border Land. SAM è inoltre parte integrante della manifestazione PicTurin dedicata alla decorazione di murate legali, patrocinata dal Comune di Torino e promossa da diverse associazioni attive da anni sulla scena cittadina nel settore della street art.

L’idea è quella di realizzare un museo di street art a cielo aperto mettendo gratuitamente a disposizione degli street artist che desiderano dipingere e esporre permanentemente la propria opera all’interno del museo, i muri disponibili all’interno dell’area. Le opere realizzate andranno a formare un percorso espositivo all’aperto che si dipanerà lungo tutto il parco e consentirà ai visitatori di ammirare i dipinti presenti.

L’area si trova in centro città e dopo la chiusura dello zoo è stata trascurata e utilizzata temporaneamente per ospitare manifestazioni e attività di genere diverso (il progetto Experimenta legato alla diffusione della cultura scientifica e il progetto Border Land relativo alla diffusione/promozione di forme d’arte e cultura copyleft sono due esempi).

SAM nasce per rivalorizzare dal punto di vista urbanistico e sociale l’area attraverso le opere d’arte che, oltre a rivitalizzare, anche se soltanto esteticamente, gli edifici abbandonati e fatiscenti, hanno la funzione di:

– rilanciare l’immagine del parco e promuovere la rinascita sociale dell’area;

– migliorare la percezione e l’esperienza nella visita del parco da parte degli utenti;

– contribuire attivamente alla promozione di street artist e diffondere, più in generale, la cultura della street art;

– costituire un presidio artistico che, in prospettiva, potrebbe contribuire a preservare l’area da eventuali speculazioni edilizie.

Documentario della prima edizione del PICTURIN – Torino Mural Art Festival 2010

Video documentary
Editing : Ponchia Videat & Diego Fatone
Post-production: Diego Fatone
Shooting: Jacopo Montaldo, Vaipiano Video e Emanuele Segre
Translations: Marcella Segre
Audio: Alessandro Mistretta
Music: Signal Eletrique

 

2010 was year Zero.
Over 40 national and international artists met up in Torino for the first edition of the PicTurin — Torino Mural Art Festival, one of the main events within the “2010: European Youth Capital” schedule, and amongst the most important international graffiti art events.
The city, form downtown to suburbs, was hit by a tidal wave of color and artwork on a dozen walls, for a total of 3,500 square meters of painted surfaces.
The event was financed by the Ministry of Youth and planned and coordinated by: MurArte (a Youth Policies project), Fondazione Contrada Torino Onlus, and he associations for urban creativity (ACU) which work on this territory (“Il Cerchio E Le Gocce”, “Monkeys Evolution” and “Style Orange”) in cooperation with “INWARD” (International Network on Writing Art Research and Development).

Il 2010 è stato l’anno Zero.
Oltre 40 artisti nazionali e internazionali si sono riuniti a Torino in occasione della prima edizione di Pic Turin — Torino Mural Art Festival, uno degli eventi principali di “Torino 2010: Capitale Europea dei Giovani” e tra le più importanti manifestazioni dell’anno a livello internazionale.
La città, dal centro alle periferie, è stata travolta da un’onda di colore e immagini su una decina di pareti cieche e altri spazi cittadini, per un totale di oltre 3.500 mq di superfici murali dipinte.
L’evento è stato finanziato dal Ministero Della Gioventù e progettato e coordinato da: Murarte (progetto del Settore Politiche Giovanili), Fondazione Contrada Torino Onlus e le associazioni per la creatività urbana (ACU) che operano sul territorio (“Artefatti”, “Il Cerchio E Le Gocce” e “Style Orange”) in collaborazione con l’Osservatorio internazionale sulla creatività urbana “INWARD” (International Network on Writing Art Research and Development).

 

Picturin 2012 – 15-16-17 June – PARCO DORA WALLS

www.picturin-festival.com

Da Parco Dora – il cuore della grande trasformazione dell’area di Spina 3 – parte il terzo capitolo del legame tra la città e PicTurin che contribuisce così, in ottica Glocal, all’intervento di rinnovamento dell’area.

Il parco – che sorge sulle aree un tempo occupate dai grandi stabilimenti produttivi e rappresenta uno dei più vasti polmoni verdi della città – è unico nel suo genere, perché integra ambienti naturalistici a memorie del passato industriale. Sono state, infatti, conservate ed escluse dalla demolizione dei vecchi capannoni, alcune delle strutture preesistenti, come il capannone dello strippaggio delle ex acciaierie Vitali con i suoi pilastri d’acciaio colorati di rosso, le torri e le vasche trasformate in giardini acquatici.

In questo paesaggio post-industriale si inserisce l’intervento di PicTurin.

Il 15-16-17 giugno saranno al lavoro sulle murate dell’ex acciaieria, Overspin, Take514, Sir Two, Reser & Wens, TOTS crew, Vesod, Knz Clan, Truly Design, Krio, Corn79, Mrfijodor (Italy), Zoer & Velvet (CSX crew – France), Erase & Arsek (Bulgaria).

The third chapter starts from Parco Dora – the heart of the large scale Spina3 area transformation – extending further the bond between PicTurin and Torino, contributing to a Glocal renewal of the city.

The park – built on a vast area once occupied by big factories and representing one of the city’s biggest “green lungs” – is unique in its genre, thanks to the integration between natural habitats and the remnants of an industrial past. In fact, some parts of the old warehouses and factories have been excluded from the large scale demolition which has taken place in the past years. An example of preexisting structures are the large roof of the ex Vitali steelworks supported by its red steel pillars, the towers and the large basins turned into aquatic gardens.

PicTurin will intervene in this post-industrial scenery.

On June 15-16-17 the ex steelworks will be decorated by Overspin, Take514, Sir Two, Reser & Wens, TOTS crew, Vesod, Knz Clan, Truly Design, Krio, Corn79, Mrfijodor (Italy), Zoer & Velvet (CSX crew – France), Erase & Arsek (Bulgaria).