INKMAP – Un nuovo progetto per la promozione dell’arte urbana a Torino

Collage new da 5

Grazie a numerosi interventi di arte urbana, che si sono susseguiti soprattutto negli ultimi anni, Torino è sempre più un museo a cielo aperto. Per districarsi tra le numerose opere presenti in città, dislocate lungo tutto il tessuto urbano, è nata Inkmap.

Inkmap è una mappa che permette di individuare e raggiungere le opere di arte murale presenti in città.

Dal mese di marzo sarà distribuita in migliaia di copie gratuite. Turisti, torinesi, appassionati e curiosi potranno trovare Inkmap negli uffici turistici, in numerosi musei e negozi cittadini e ovviamente nel graffiti shop Konsequenz, in via Dei Quartieri e da Sericraft Lab in via Magenta.

La mappa sarà disponibile anche su Google Maps tramite il download da QR Code e sul sito www.inkmap.it,  dove sarà facilmente scaricabile.

Inkmap è un progetto dell’associazione “Il Cerchio E Le Gocce” in collaborazione con Sericraft Lab e Konsequenz Creative Studio, realizzato con il contributo della Città di Torino.

Sito web: http://www.inkmap.it

Facebook: http://www.facebook.com/Inkmap

 Parco DOra Towers - PICTRUNI 2012 - Graphik Surgery 2501 V3rbo web

Thanks to a good number of urban art events, which mostly took place in recent years, Torino is rapidly turning into an open air museum. Inkmap was born to help visitors find their way among the many artworks located all over the city’s urban fabric.

Inkmap is an itinerary map which allows to pinpoint and get to the city’s many mural artworks.

From the big façades painted during the three “PicTurin – Torino Mural Art Festival” editions to other MurArte events, all the way to Parco Michelotti’s “Street Art Museum”, the MAU in the Campidoglio village, the recent NizzArt locations, and all the writers’ halls of fame, art galleries, and the city’s associations.

It will be possible to find a constantly updated map on www.inkmap.it, an interactive platform aimed at dialogue between art, public and territory.

From March onwards, Inkmap will be distributed by the thousands for free. Tourists, locals, enthusiasts and those who are simply curious will be able to find Inkmap in tourist info points, many museums and shops, and clearly at the Konsequenz graffiti shop in via Dei Quartieri, and at Sericraft Lab in via Magenta.

The map will be available on Google Maps by download via QR code, and on www.inkmap.it, where it will be easily downloadable.

Inkmap is a project by “Il Cerchio e le Gocce” association in partnership with Sericraft Lab and Konsequenz Creative Studio, realized with a contribution from the City of Torino.

Website: http://www.inkmap.it

Facebook: http://www.facebook.com/Inkmap

 

Concept: Associazione Il Cerchio E Le Gocce e Sericraft Lab

Graphic Design: Konsequenz Studio

Web Design: Mirko Vacca for Drip Studio

Texts: Luca Indemini

Translations: Mauro Italiano – Truly Design

www.designtaxi.com-2010-11-4-1-22

Annunci

The SAM’s BOOK & crowd funding per finanziare SAM 2013

cover-SAM's Book 2013

SAM è un percorso di riqualificazione urbana la cui prima tappa è lo Street Art Museum di Torino, una galleria di arte urbana a cielo aperto. Il progetto, promosso dall’associazione BorderGate, tra maggio e novembre 2012, ha visto la partecipazione di oltre 60 street artist italiani e stranieri.

Il progetto SAM è stato sviluppato all’interno del Parco Michelotti, l’ex zoo comunale di Torino, dove buona parte degli edifici fatiscenti sono stati esteticamente recuperati e oggi fanno parte di un percorso artistico immerso nel verde del parco. Le gabbie e le vasche degli animali, abbandonate all’incuria e al degrado, ora sono la testimonianza di come il recupero e la valorizzazione degli spazi urbani possa essere il frutto di un’importante esperienza artistica: SAM Street Art Museum.

SAM è il protagonista di un libro che illustra e racconta l’esperienza artistica realizzata all’interno del parco. Il libro racconta SAM attraverso la riproduzione fotografica delle opere corredata da alcuni contributi scritti di Roberto Mastroianni e Rocco Arpa.

Il SAM’s BOOK è interamente autoprodotto, ogni costo di realizzazione è sostenuto dall’associazione BorderGate! Il libro oltre a far rivivere l’esperienza di SAM, fissando su carta un atto creativo ed artistico effimero, ci aiuterà a finanziare e realizzare nuove esperienze SAM. Infatti, il sostegno al SAM’s BOOK non è finalizzato alla realizzazione del libro in sè ma serve a raccogliere i fondi necessari a finanziare le prossime iniziative di SAM. La somma indicata coprirà i costi per la realizzazione di SAM013!

Specifiche tecniche:

– 126 pagine a colori
– 210x297mm closed / 420×594 mm open
– Carta: Class Demimatt – Patinata opaca 130gr
– Copertina: Class Demimatt – Patinata opaca 300gr
– Brossatura greca e fresata

BorderGate vuole riproporre l’esperienza SAM Torino in nuovi spazi urbani. Il progetto di riqualificazione urbana attraverso la street art verrà sperimentato su altre aree abbandonate e degradate e riadattato su altri contesti attraverso nuove esperienze di street art sociale ed indipendente.

YOU

Da alcuni giorni è online sul sito Indiegogo a questo link http://www.indiegogo.com/projects/sam013 la campagna di crowd funding per finanziare SAM 2013.

Il tuo contributo rappresenta per tutti noi una grossa gratificazione per quanto abbiamo già realizzato (SAM Torino & SAM’s BOOK) e per gli sforzi fin qua compiuti.

Ma la cosa più importante è che, anche grazie a te, sarà possibile recuperare altri spazi abbandonati che nelle nostre città non hanno alcun ruolo sociale se non quello di essere anonimi blocchi di cemento o giganti edifici fatiscenti. Riproporre l’esperienza SAM vuol dire riprogettare esteticamente e promuovere la rinascita sociale degli spazi per dare un tocco di colore alle nostre vite che tutti i giorni in questi spazi si muovono.

Contribuendo al nostro progetto sarai parte integrante di un’esperienza di riqualificazione urbana ed artistica con la quale potrai entrare in contatto nei luoghi dove SAM sarà realizzato.

News from SAM – Street Art Museum @ Parco Ignazio Michelotti, Torino

Questo slideshow richiede JavaScript.

SAM è un progetto di riqualificazione urbana degli spazi del Parco Ignazio Michelotti di Torino (ex-zoo comunale), attraverso le opere di street art, promosso dall’associazione culturale BorderGate nell’ambito delle proprie attività estive che vanno sotto il nome di Border Land. SAM è inoltre parte integrante della manifestazione PicTurin dedicata alla decorazione di murate legali, patrocinata dal Comune di Torino e promossa da diverse associazioni attive da anni sulla scena cittadina nel settore della street art.

L’idea è quella di realizzare un museo di street art a cielo aperto mettendo gratuitamente a disposizione degli street artist che desiderano dipingere e esporre permanentemente la propria opera all’interno del museo, i muri disponibili all’interno dell’area. Le opere realizzate andranno a formare un percorso espositivo all’aperto che si dipanerà lungo tutto il parco e consentirà ai visitatori di ammirare i dipinti presenti.

L’area si trova in centro città e dopo la chiusura dello zoo è stata trascurata e utilizzata temporaneamente per ospitare manifestazioni e attività di genere diverso (il progetto Experimenta legato alla diffusione della cultura scientifica e il progetto Border Land relativo alla diffusione/promozione di forme d’arte e cultura copyleft sono due esempi).

SAM nasce per rivalorizzare dal punto di vista urbanistico e sociale l’area attraverso le opere d’arte che, oltre a rivitalizzare, anche se soltanto esteticamente, gli edifici abbandonati e fatiscenti, hanno la funzione di:

– rilanciare l’immagine del parco e promuovere la rinascita sociale dell’area;

– migliorare la percezione e l’esperienza nella visita del parco da parte degli utenti;

– contribuire attivamente alla promozione di street artist e diffondere, più in generale, la cultura della street art;

– costituire un presidio artistico che, in prospettiva, potrebbe contribuire a preservare l’area da eventuali speculazioni edilizie.

RipArte Festival 2012 @ Fabriano (An)

R.I.P.ARTE Festival 2012
V Edizione 8>10 Giugno 2012

WALL PASSION Vol.2

Artisti:
108
Aris
El Euro
Giorgio Bartocci
Run
UfoCinque
+
Guerrilla Spam

 Promosso da  Ass. Cantiere delle Idee Organizzato da  Csa Fabbri

http://www.ripartefestival.com

Master Bunny VS Lord Orso

Wall Passion Vol.2 RipArte Festival 2012 >10.06.2012, Fabriano (An)

“Trecento metri di parete per sei artisti internazionali, questi sono i numeri di quel che sarà il 9 Giugno il Wall Passion vol.2, incontro di street art e cultura dal basso promosso per il secondo anno consecutivo dal RipArte Festival in collaborazione con l’Ass. Cantiere delle Idee ed il Csa Fabbri di Fabriano. Dopo il successo ottenuto in città con la performance dello scorso anno, grazie agli interventi in zona stazione  tra cui quelli ad opera di Blu ed Ericailcane solo per citarne alcuni, anche in questa occasione sei artisti del panorama della street art contemporanea si confronteranno per sviluppare un intervento pittorico di grande formato, tutti su di un unica parete lunga oltre 300 metri. Gli artisti invitati (108, Aris, Eleuro, Giorgio Bartocci, Run e Ufo Cinque) inaugureranno la parete di Via Lamberto Corsi in corrispondenza del sottopassaggio ferroviario in direzione Moscano cimentandosi in un’opera murale collettiva, a cui seguiranno altri interventi con nomi della scena nazionale e non che si potranno osservare all’opera a settembre, quando si terrà la sesta edizione del RipArte Festival. Altro ospite d’eccezione sarà il collettivo di comunicazione Guerrilla SPAM che durante la tre giorni realizzerà un’opera di grandi dimensioni completamente realizzata con la tecnica del paste up lungo tutta la parete dell’evento. Dalle ore 14:30 di sabato 9 Giugno gli artisti si appresteranno a terminare le loro opere e saranno  accompagnati da dj set musicali e affiancati da bancarelle di autoproduzioni.
Wall Passion tenta con questo evento di avvicinare la cittadinanza al fenomeno della street art proponendo un live painting di tre giorni aperto al pubblico, durante il quale tutti potranno osservare gli artisti all’opera nel ridare colore ad una zona in degrado della propria città. Il festival nasce dalla consapevolezza delle potenzialità insite nella street art come mezzo di comunicazione non convenzionale e spinge affinché questa possa divenire vera modalità di riqualificazione degli spazi urbani, generando nuovi rapporti tra l’uomo ed il proprio territorio. Sviluppando forme di legame di questo tipo è infatti possibile avvicinare persone nuove per un confronto attivo sulla contemporaneità, il tutto unito all’esplorazione di un nuovo panorama artistico come quello della street art.”
Per qualsiasi info http://www.ripartefestival.com

ARTISTI
Tra i performers troviamo 108, che già dal nome lascia trasparire il suo enigmatico e tenebroso profilo che lo ha reso un designer appassionato dell’occulto, influenzato dallo sciamanesimo locale e dai graffiti dell’europa neolitica, le cui forme astratte compaiono ora nelle strade di tutto il mondo. Aris, dedito alla rivalutazione e rivitalizzazione del territorio urbano e peri-urbano, inizia a farsi conoscere già dal ‘93 dipingendo treni e spazi murali, per poi appassionarsi alla quasi astrazione della figura che lo porta ad ottenere un linguaggio artistico personalizzato, a tal punto da permettergli di farsi strada anche fuori dall’Italia. Eleuro, già noto alla compagine fabrianese per aver partecipato all’edizione 2011 del festival, contraddistingue i suoi lavori grazie alle grandi linee colorate accompagnate da scritte che ne completano il significato e che solitamente vanno a rappresentare gag cui sono frequenti sottoporsi gli uomini.  Giorgio Bartocci decide invece di allontanarsi dai canoni standard di writing percorrendo un viaggio di crescita individuale, che gli permette oggi di trovare fonte di ispirazione in figure umanoidi animate che gli consentono di interagire con le più complesse strutture urbane. Run è uno dei protagonisti della scena street art europea, vive a Londra ed i suoi lavori sono veri e propri enigmi luminosi, abitati da Dei pagani e benevoli, danzatori in un tempo sospeso. Le sue sono figure che si muovono su sfondi, spesso monocromi, dove risalta la forza di segni universali: labbra che sussurrano, gesti di accoglienza, mani aperte allo spettatore e moniti silenziosi. Come ultimo artista, ovviamente non per importanza, possiamo scorgere con il suo inconfondibile stile metodologico progettuale Ufo Cinque, con le sue linee chiare e ben tracciate tipiche di chi non lascia intendere nulla al caso.

Guerrilla SPAM
L’idea di SPAM nasce casualmente nel novembre 2010 dall’esigenza di trovare un modo per esprimere liberamente senza vincoli o costrizioni un pensiero comune. Prende corpo da sola (nei primi attacchi non esisteva nemmeno il nome SPAM) definendosi e migliorando su se stessa, grazie all’approvazione della gente e al riscontro del pubblico, del cittadino. gli attacchi che inizialmente erano realizzati solo su firenze, hanno ampliato con il tempo il loro raggio di azione, toccando altre città italiane da siena a arezzo, da milano a torino, da benevento a salerno. l’obbiettivo di SPAM è quello di portare alla portata di tutti la possibilità di “fare SPAM”, eliminando l’idea di un’artista singolo che realizza singolarmente gli attacchi, in funzione di un’idea collettiva, una sorta di mezzo di espressione a disposizione di chiunque  lo volesse. a meno di un anno dalla nascita di SPAM, numerosi giornali, riviste, siti e blog si sono interessati al progetto, dedicandopagine e gallerie fotografiche a queste azioni provocatorie. ricordiamo laRepubblica, ArtsBlog, NextLaboratory, GOLD, Lettere&giorni, e molti altri. l’interesse del pubblico poi è sempre costante e vivo sia fisicamente nelle città toccate da SPAM, che virtualmente attraverso la rete, ed è questo che garantisce un senso a tutto il progetto, dato che SPAM nasce per essere della gente e tra la gente.

ING
“Three hundred meters of the wall for six international artists, these are the numbers of what will be at June 9, the Wall Passion vol.2, a street art and culture meeting from the bottom promoted for the second consecutive year the festival starts again in collaboration with the Ass Cantiere delle Idee and CSA Fabbri of Fabriano. After its success in the city with the performance of last year thanks to interventions near the railway station area including works from Ericailcane and Blue, on this occasion six artists of the contemporary street art will develop a pictorial contribution of a large-format, all on a single wall over 300 meters long. Invited artists (108, Aris, Eleuro, Giorgio Bartocci, Run and Five UFOs) will kick off the wall in Via Lamberto Corsi at the railroad underpass towards Moscano sneaking in a collective mural work, to be followed by other operations with names of the national scene and that you may observe in September when there will be the sixth edition of Riparte Festival. Another special guest will be the collective of communication Guerrilla SPAM that during the three days will set up an opera made of paste up along the wall of the event. From 14:30 pm (Saturday, June 9) will be possible observe the artists finish their works and will be accompanied by DJ sets and music stands flanked by self-productions.
Wall Passion tries with this event to bring citizenship to the phenomenon of street art by proposing a live painting of three days open to the public, during which everyone can watch the artists at work in restoring color to a degradation area of their city. The festival stems from the awareness of the possibilities inherent in street art as a means of communication and non-conventional forces so that it can become a real mode of regeneration of urban areas, creating new relationships between people and their territory. Developing forms of this type of bond is in fact possible to bring new people to an active comparator on the contemporary, all combined to explore a new art scene as the street art. “

VUOTI A RENDERE @ Meltin Pop, Arona

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un piccolo reportage sulla mostra di spray customizzati tenutasi ad Arona da Meltin Pop:

Rigo Lab con la preziosa collaborazione di sana.style presentano :
VUOTI A RENDERE
(expo di bombolette spray customizzate)

Lo spray uno dei mezzi più utilizzati da streetartist e writers per le loro creazioni viene riciclato e si trasforma per mezzo delle sapienti mani di alcuni dei più degni esponenti di questa disciplina nel supporto per opere pittoriche, esaltandone la sua appartenenza.

artisti i mostra :

SirTwo
Mosone
Bacon
2501
Galo
Mach505
Corn
mr Fijodor
Guasto
Meth meek
Refreshink
Onuk
Noles
Eleuro
Seacreative
Yoga
Colto
Eye
Cor1
Ufo5
Leso
Kraser
Ivan
Marion P.

dal 4 al 26 Febbraio

dal mercoledi’ alla domenica dalle 18,00 alle 22,00.
durante tutta la mostra le opere saranno in vendita.
INGRESSO CON TESSERA ARCI
info e contatti:
Facebook fanpage: Meltin Pop Gallery
Giovanni : magnoligiovanni@gmail.com

CIRCOLO ARCI MELTIN POP // VIA ROMA 78/80 ARONA (NO) TEL. 0322.245096
www.meltinpop.it

ufo5: carticidio @ Dipenser Milano

Dispenser Milano  presents:

“CARTICIDIO”

art show by Ufocinque

 

Ufocinque Bio:

 

Diviso tra Novara e Milano, Ufo5 è un artista che, nonostante la giovane età, s’è già affermato da qualche anno nella scena della public e street-art internazionale, ma non solo… Street artist, grafico, illustratore e scenografo, in breve tempo Ufo5 ha elaborato un personalissimo stile espressivo, costellato di simboli e segni, codici magici ed alchemici, enigmi e labirinti che prendono vita sotto forma di tele, papercut ed installazioni di ogni sorta. Tratto nudo e crudo, bianco e nero come cromia prediletta, l’artista dipinge vizi e virtù della società contemporanea in un groviglio di significanti grafici, più o meno criptati.

Ufo5 ha curato l’immagine del “Future Film Festival 2010”, l’anno prima ha preso parte al Festival di street-art e wallpainting “Asalto Zaragoza” e da sempre collabora col progetto Biokip, realizzando grafiche per serie limitate di abbigliamento streetwear e stampe serigrafiche, oltre ad aver partecipato in tutte le collettive della Biokip Gallery, che ha anche ospitato il suo primo solo-show “Non è giusto, ma è normale”.

 

Art-show concept:

 

Carticidio. Un omicidio di carta, o l’omicidio della carta.

E’ una duplice chiave di lettura quella che sta dietro al titolo dell’esposizione personale di Ufo5 allo spazio Dispenser , e fa riferimento sia alla tecnica che alla scala cromatica utilizzata dall’artista per il suo “Carticidio” art-show. Installazioni metaforiche, ma lavori di papercut soprattutto, realizzati rigorosamente a mano dall’artista; bisturi su carta e cartoncino, rosso sangue su bianco. Tagli e schizzi.

E’ un Carticidio per l’appunto: tagliare a mano invece che a plotter richiede un lavoro extra, al confine del masochismo, ma un lavoro fondamentale per la coerenza artistica di Ufo5, e non è un omicidio vero e proprio, anzi. Non c’è vittima e carnefice, se non viceversa contemporaneamente. Omicidio di carta o della carta che sia, e nonostante tutto, il Carticidio di Ufo5 è un’azione creativa più che distruttiva. Foglio dopo foglio, taglio dopo taglio, la carta rinasce in una forma tutta nuova, si articola su più livelli creando mondi tridimensionali, illusioni ottiche ed immaginari visivi. Fragili e profondi al tempo stesso.

http://dispensermilano.blogspot.com/2011/03/carticidio-by-ufocinque-ven-18-marzo.html

http://www.flickr.com/photos/ufocinque/