The SAM’s BOOK & crowd funding per finanziare SAM 2013

cover-SAM's Book 2013

SAM è un percorso di riqualificazione urbana la cui prima tappa è lo Street Art Museum di Torino, una galleria di arte urbana a cielo aperto. Il progetto, promosso dall’associazione BorderGate, tra maggio e novembre 2012, ha visto la partecipazione di oltre 60 street artist italiani e stranieri.

Il progetto SAM è stato sviluppato all’interno del Parco Michelotti, l’ex zoo comunale di Torino, dove buona parte degli edifici fatiscenti sono stati esteticamente recuperati e oggi fanno parte di un percorso artistico immerso nel verde del parco. Le gabbie e le vasche degli animali, abbandonate all’incuria e al degrado, ora sono la testimonianza di come il recupero e la valorizzazione degli spazi urbani possa essere il frutto di un’importante esperienza artistica: SAM Street Art Museum.

SAM è il protagonista di un libro che illustra e racconta l’esperienza artistica realizzata all’interno del parco. Il libro racconta SAM attraverso la riproduzione fotografica delle opere corredata da alcuni contributi scritti di Roberto Mastroianni e Rocco Arpa.

Il SAM’s BOOK è interamente autoprodotto, ogni costo di realizzazione è sostenuto dall’associazione BorderGate! Il libro oltre a far rivivere l’esperienza di SAM, fissando su carta un atto creativo ed artistico effimero, ci aiuterà a finanziare e realizzare nuove esperienze SAM. Infatti, il sostegno al SAM’s BOOK non è finalizzato alla realizzazione del libro in sè ma serve a raccogliere i fondi necessari a finanziare le prossime iniziative di SAM. La somma indicata coprirà i costi per la realizzazione di SAM013!

Specifiche tecniche:

– 126 pagine a colori
– 210x297mm closed / 420×594 mm open
– Carta: Class Demimatt – Patinata opaca 130gr
– Copertina: Class Demimatt – Patinata opaca 300gr
– Brossatura greca e fresata

BorderGate vuole riproporre l’esperienza SAM Torino in nuovi spazi urbani. Il progetto di riqualificazione urbana attraverso la street art verrà sperimentato su altre aree abbandonate e degradate e riadattato su altri contesti attraverso nuove esperienze di street art sociale ed indipendente.

YOU

Da alcuni giorni è online sul sito Indiegogo a questo link http://www.indiegogo.com/projects/sam013 la campagna di crowd funding per finanziare SAM 2013.

Il tuo contributo rappresenta per tutti noi una grossa gratificazione per quanto abbiamo già realizzato (SAM Torino & SAM’s BOOK) e per gli sforzi fin qua compiuti.

Ma la cosa più importante è che, anche grazie a te, sarà possibile recuperare altri spazi abbandonati che nelle nostre città non hanno alcun ruolo sociale se non quello di essere anonimi blocchi di cemento o giganti edifici fatiscenti. Riproporre l’esperienza SAM vuol dire riprogettare esteticamente e promuovere la rinascita sociale degli spazi per dare un tocco di colore alle nostre vite che tutti i giorni in questi spazi si muovono.

Contribuendo al nostro progetto sarai parte integrante di un’esperienza di riqualificazione urbana ed artistica con la quale potrai entrare in contatto nei luoghi dove SAM sarà realizzato.

Annunci

ETAM CREW

etam-cru_elephant_lodz eb Etam-Crew ETAM CREW!

Second skin project by Zed1 “Everything can change”

First Video “Second Skin” summer 2012 Italy.
“Second skin” is the new project by italian street artist Zed1.
It’s a new way of painting walls: with the time change the work and its meaning.

Zed1

http://www.facebook.com/pages/Zed1/267210873392745?ref=hl
http://www.zed1.it/

Zed1: “Ho ideato questo progetto visivo con l’intenzione di sottolineare l’invecchiamento e l’inesorabile decadenza delle molteplici aspetti della realtà, siano essi personaggi, ambienti o situazioni e per evidenziare i livelli interpretativi nascosti dietro una palese immagine o idea. In oltre con queste opere lo spettatore può interagire fino a farne parte in modo integrante.”

This is the two step of the “second skin project” winter 2013. Time lapse experiment!
That’s a new way of painting walls: with the time change the work and its meaning.

http://www.zed1.it/

Video directed by Artnine
http://www.artnine.netinfo@artnine.net

Corn79 & Mrfijodor – PICTURIN 2012 @ Hiroshima Mon Amour, Torino

L’Hiroshima Mon Amour ha appena compiuto 25 anni e il Picturin gli regala un vestito nuovo.

Un altro appuntamento con Picturin — Torino Mural Art Festival, dopo gli eventi inaugurali nel nuovissimo Parco Dora a giugno e gli interventi all’ospedale Amedeo di Savoia e alla scuola Nievo. Il festival torinese ha portato i suoi artisti in Via Carlo Bossoli. Una nuova riqualificazione come regalo per i 25 anni di attività in ambito culturale dell’associazione di Mirafiori.
Dal 27 di settembre Corn79 e Mrfijodor hanno realizzatoun murales sulla facciata esterna dell’Hiroshima Mon Amour, il principale polo musicale di Torino, ovviamente il tema sarà la Musica.

News from www.ventuno12.com

Corn79 e Mrfijodor negli ultimi mesi sono stati protagonisti in diversi eventi: da Sao Paulo in Brasile, dove hanno dipinto alcune pareti del MuBE (Museu Brasileiro da Escultura) e il Centro Culturale della CPTM (Companhia Paulista de Trens Metropolitanos) ma anche allo Street Art Museum nel Parco Ignazio Michelotti di Torino (ex-zoo comunale). A maggio hanno esposto alla galleria “Punto Due” di Calice Ligure durante la mostra “1997 — escape from ordinary”, mentre a luglio hanno partecipato alla collettiva “Beyond the city wall” di fianco ad artisti del calibro di Shepard Fairey “OBEY”; poco dopo Corn79 insieme a Zorkmade è partito per il festival internazionale Kosmopolite in Belgio.

Picturin — Torino Mural Art Festival si consolida come uno dei principali eventi europei di street art e graffiti-writing, mescolando grandi nomi della scena internazionale e artisti noti e emergenti della scena cittadina. In perfetta ottica Glocal mantiene uno stretto legame col tessuto urbano della città. Non a caso l’evento inaugurale si è svolto nel nuovissimo Parco Dora, contribuendo all’intervento di rinnovamento della Spina3.

Hiroshima Mon Amour è nato nel 1986, per agire nel campo della produzione e dell’organizzazione di spettacoli e di eventi culturali. La sua storia, in questi anni, è stata la storia della nuova musica italiana e internazionale, dal teatro comico, dei nuovi artisti che sul palco hanno avuto le prime opportunità e che sono tornati, raggiunta la celebrità, nelle rassegne e nei festival promossi dalla nostra organizzazione. Pur mantenendo un occhio di riguardo per l’arte e le culture giovanili, Hiroshima Mon Amour è andatoa molto oltre la dimensione  locale/spettacolo, diventando nel corso degli anni un punto di riferimento nazionale ed internazionale per i grandi eventi e i festival.

Video by Diego Fatone
Music by Jazzatron – Hammared

Documentario della prima edizione del PICTURIN – Torino Mural Art Festival 2010

Video documentary
Editing : Ponchia Videat & Diego Fatone
Post-production: Diego Fatone
Shooting: Jacopo Montaldo, Vaipiano Video e Emanuele Segre
Translations: Marcella Segre
Audio: Alessandro Mistretta
Music: Signal Eletrique

 

2010 was year Zero.
Over 40 national and international artists met up in Torino for the first edition of the PicTurin — Torino Mural Art Festival, one of the main events within the “2010: European Youth Capital” schedule, and amongst the most important international graffiti art events.
The city, form downtown to suburbs, was hit by a tidal wave of color and artwork on a dozen walls, for a total of 3,500 square meters of painted surfaces.
The event was financed by the Ministry of Youth and planned and coordinated by: MurArte (a Youth Policies project), Fondazione Contrada Torino Onlus, and he associations for urban creativity (ACU) which work on this territory (“Il Cerchio E Le Gocce”, “Monkeys Evolution” and “Style Orange”) in cooperation with “INWARD” (International Network on Writing Art Research and Development).

Il 2010 è stato l’anno Zero.
Oltre 40 artisti nazionali e internazionali si sono riuniti a Torino in occasione della prima edizione di Pic Turin — Torino Mural Art Festival, uno degli eventi principali di “Torino 2010: Capitale Europea dei Giovani” e tra le più importanti manifestazioni dell’anno a livello internazionale.
La città, dal centro alle periferie, è stata travolta da un’onda di colore e immagini su una decina di pareti cieche e altri spazi cittadini, per un totale di oltre 3.500 mq di superfici murali dipinte.
L’evento è stato finanziato dal Ministero Della Gioventù e progettato e coordinato da: Murarte (progetto del Settore Politiche Giovanili), Fondazione Contrada Torino Onlus e le associazioni per la creatività urbana (ACU) che operano sul territorio (“Artefatti”, “Il Cerchio E Le Gocce” e “Style Orange”) in collaborazione con l’Osservatorio internazionale sulla creatività urbana “INWARD” (International Network on Writing Art Research and Development).

 

New works from Pao, Milano

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Richmond Festival – USA