TROUW UP SHIT, 2501, Zamoc, Mosone, Seracreative live performance @ Dispenser Milano

“THROW UP SHIT”

inaugurazione venerdì 29 aprile h.19.00-24.00

29 aprile – 11 maggio 2011

Dispenser presenta una mostra attiva e coinvolgente, una serata di puro action painting con 4 artisti in rappresentanza del vasto panorama di street artists e writers italiani: 2501, Zamoc, Mosone, Seacreative, ognuno con un proprio segno distintivo e la voglia di mostrare un’arte energica ed immediata, spesso sottovalutata, che negli ultimi anni sta ottenendo il meritato riscatto. Nel mondo del graffiti writing un throw-up (letteralmente “vomitare”) è un pezzo realizzato con pochi colori e in poco tempo. In genere assume una forma rotonda così da potere essere eseguito in fretta occupando maggior spazio possibile, ma l’impostazione personale di ogni artista non consente ovviamente di ottenere un risultato omogeneo e standard. Throw up significa anche abbandonare. Abbandonare in questo caso il convenzionale vernissage-mostra delle gallerie d’arte, statico se non in rari casi; abbandonare l’etichetta di asetticità e pulizia per tornare a sporcarsi le mani; abbandonare i giri di parole vuoti e pomposi dell’artista autoreferenziale ed egocentrico fino ad arrivare a definire le proprie produzioni “my shit” ma anche lanciare, lanciare sul muro una passione, un impulso, una creatività senza filtri che mantiene intatta tutta la sua forza.

Il tutto accompagnato da una LIVE MUSIC BACKGROUND incentrata su elementi sonori DUBSTEP/AMBIENT & ELECTRO/TURBOFUNK di Mouch e Blorgio//Altered Beats.

Jacopo Ceccarelli a.k.a. 2501 inizia a dipingere a 14 anni da autodidatta e porta avanti la sua passione sui muri della sua città. Si forma montatore alla civica scuola di cinema di Milano. Finita la scuola frequenta un master di comunicazione visuale alla nuova Bauhaus di Weimar in Germania. Grazie a “Studio Bici” partecipa come aiuto montatore alla realizzazione di “Racconti di guerra ” di Mario Amurra, film vincitore del Davide di Donatello nel 2005 e selezionato al Festival di Berlino. Nel 2001 si trasferisce per un anno a S. Paolo del Brasile, dove lavora come impaginatore e collabora con alcune ONG per insegnare a dipingere ai bambini delle “favelas”. Qui viene a contatto con la scuola di graffitismo sud americana (Os Gemeos, Herbert Baglione, Higraff Zezao e molti altri) e il suo approccio alla pittura cambia completamente. Prima con lo pseudonimo di robot inc e poi come 2501 inizia un percorso nuovo che integra graffiti, pittura su tela, scultura e video. 2501 non è un’entità fisica, è lo spirito nel guscio, interpreta l’ambiente circostante, si trasforma nel tempo senza limiti stilistici o di media. 2501 si nutre dell’ambiente circostante proponendo nuove e sommerse chiavi di lettura, sà che per vedere l’alba non c è altra strada che la notte, non può seguire nessun percorso pretracciato, non crede nell’ambiente artistico tradizionale e nella sua organizzazione in caste. 2501 è espressione di interscambio tra artisti, sceglie l’ambiente urbano come luogo privilegiato di interscambio artistico, sceglie l’ambiente urbano come luogo per esporsi, sà che il più grande lusso è disporre del proprio tempo senza limitazioni, pensa che chi è padrone del proprio tempo , e quindi privilegiato, si debba battere per chi non lo è, pensa che l’arte debba dare una visione critica sulla società in modo non didascalico ma ludico. 2501 pensa che poter fare arte nella vita è un lusso. (www.2501.org.uk)

Luca Zamoc prende spunto, fin dall’adolescenza, da elementi eterogenei quali La Bibbia, i fumetti anni ’80 e la Street Art. Laureato alla Nuova Accademia Belle Arti di Milano in Graphic Design & Art Direction, inizia a collaborare con agenzie di comunicazione in Europa e Stati Uniti. Dipinge, disegna, illustra e anima qualsiasi superficie dal 1986. Attualmente vive e lavora Berlino. La sua forma espressiva nasce da una natura distratta e poco attenta al concreto: la sua soglia di attenzione è sempre stata labilissima, forse per questo ha cominciato a disegnare. Ma nei suoi lavori si nota l’interesse particolare per l’anatomia, umana e animale, mixata ad elementi di rimando letterario, ancestrale e filosofico, un forma di autismo nella ricerca della sostanza, le cose devono avere un significato o non esistono, che trova il suo sfogo nella simbologia. Un esempio, nero su bianco, di come la noia per ciò che ci circonda, un’astrazione mentale dal reale, possa diventare pura arte.(www.lucazamoc.com http://www.flickr.com/lucazamoc)

Mosone è un writer che opera nel campo del lettering figurato.

Da più di dieci anni realizza i suoi graffiti su diverse superfici, attraverso nuovi linguaggi figurativi, generalmente ironici e ludici ma allo stesso tempo drammatici. Mettere in cattività personaggi e lettering è stata per lui una scelta fondamentale: “anche le lettere hanno la loro vita, sono per me dei soggetti maschili e femminili, umani e animali”. Si esprime con difficoltà nell’ambiente “classico” dei graffiti, lo trova statico, sposta l’attenzione visiva in altri settori quali la grafica, l’illustrazione indipendente, l’arte moderna; apprezza molto chi introduce delle novità al fenomeno. In questo momento osserva da vicino gli asiatici, il bianco, il nero e gli uccelli che muoiono in massa.

Le sue ultime opere grafiche/pittoriche ritraggono soggetti paralizzati da una realtà spietata: l’uomo è il protagonista indiscusso, sempre al centro dell’attenzione. I personaggi diventano degli osservatori impauriti di fronte ad una natura deprimente e modificata, un paesaggio inquieto frutto di un’ironica e sarcastica relazione tra realtà quotidiane e fantasie horror. Utilizza il collage con carte fluorescenti abbinate a ritagli di colori campionati dall’asfalto e dal cemento. Lo sguardo dello spettatore di fronte alle opere di Mosone viene sottoposto spesso ad un’immagine in scala di grigi con la predominante del nero, l’utilizzo del colore è una componente fondamentale: il nero viene utilizzato come simbolo drammatico, e il fluorescente diventa l’evidenziatore delle sezioni espressive. (www.flickr.com/mosone97)

Fabrizio Sarti in arte Sea dal 1995 esprime la sua creatività dipingendo graffiti su muri della zona. Negli anni sviluppa la sua passione arricchendola con studi di graphic design e nel 2000 decide di riversare tutte le esperienze maturate in strada su supporti più tradizionali, quali tele, tavole in legno e abbigliamento, dando così inizio inconsapevolmente al progetto seacreative. All’interno di questa nuova dimensione artistica assume sempre maggiore importanza lo studio dei suoi personaggi, che diventano i protagonisti indiscussi dei suoi lavori. Oggi vive e lavora a Milano, dove continua la sua produzione artistica con mostre e collaborazioni nei più svariati ambiti creativi. Il suo stile è sintetico, a volte lineare a volte caotico, come l’anima di un artista. Ritrae quasi sempre volti o mezzi busti che affiorano nella sua mente, frutto di input metropolitani, ma visti e rivisitati in chiave fumettistica. Personaggi vagamente goffi e decadenti, immortalati sulla tela nel momento del loro incontro con la mente di Seacreative, figure che emergono da grandi fondi piatti con vistose colature di colore, che non annientano mai completamente il bianco della tela. Uomini bloccati, sul punto di dire qualcosa, con l’atteggiamento un po’ spavaldo e sbruffone di chi incontrandoti ti dice: “what’s up dude?”. In alcuni casi le opere sono completate da parole o brevi frasi svincolate dalla loro funzione, dal nesso significante/significato, per diventare puri segni tipografici. (www.seacreative.net)

“…tutto lo spazio che non riempiamo con l’ARTE è inevitabilmente regalato al NULLA.”(Dario Villa)

LIVE MUSIC BACKGROUND BY:

Mouch Architetto, writer e sound producer proveniente da Ravenna. Originariamente cresciuto nella scena drum’n bass neurofunk, da anni è concentrato sulla produzione dubstep con influenze garage, 2step, ambient, techno e deep house. Ha all’attivo diverse release sotto etichette italiane, inglesi ed americane, tra le quali Subculture, Gamma Uk, Paradise Lost, Gradient Audio, Abducted e Kursed Rec, sia in formato digitale che su vinile 12”.

Blorgio Dopo svariati studi musicali svolti tra Ravenna e Bologna entra nel 2009 a far parte degli Altered Beats, realizzando nel giro di pochi mesi diversi EP per alcune delle etichette electro più in vista nel panorama mondiale. Ha collaborato come sound designer con studi di 3D graphic, software house e case di produzione di documentari e cortometraggi.

DISPENSER MILANO GALLERY

Viale Faenza 12/5 20143 Milano

T. 02 45470032 // Mob.393 9312922

www.dispensermilano.blogspot.com

www.flickr.com/dispensermilano


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: